Risarcimento Malasanità

 

Quando ad un medico è possibile chiedere risarcimento per come si è comportato nella cura?

Quando possiamo appellarci alla responsabilità per colpa medica?

Domande legittime, quando si deve trattare una materia che presenta le sue complessità.

Domande opportune per non spendere tempo e denaro inutilmente, arricchendo i professionisti del settore e non ottenendo la soddisfazione economica sperata.

La risposta è:

Quando riusciamo a dimostrare che il professionista sanitario è stato:

  • negligente

  • imprudente

  • imperito

Quando l’operatore sanitario non osservando regole e procedure assodate per quel tipo di procedura, ha provocato dei danni allo stato di salute del paziente, che talvolta possono arrivare persino alla morte

Negligenza

Essere negligente propriamente significa “trascurare quelli che sono i propri doveri“. In ambito di responsabilità medica la negligenza è la forma di colpa che nel “sentire comune” è meno giustificabile.

L’accusa di negligenza, in malasanità, si costruisce sul dimostrare la trascuratezza, la superficialità, la leggerezza, la disattenzione o la dimenticanza che causano il non rispetto di norme di diligenza comune nell’operato del professionista medico.

Esempi?

Dimenticare una garza o un “ferro” nell’addome, la mancata sterilizzazione degli strumenti, il somministrare un farmaco scaduto e via di questo passo…

Sei Vittima di una Malasanità? Hai Subito un Errore Medico? Non Sai Come Ottenere il giusto Risarcimento? Hai Bisogno di Aiuto?

Clicca Qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

 

Se Ti Serve Aiuto

eu-cookie-law">

Compila il Modulo

CLICCA QUI

Riceverai una risposta

ENTRO 24 ORE

RSSFeed

 

Iscriviti al nostro servizio

RSSFeed

eu-cookie-law">

Clicca Qui

 

 

Per maggiori informazioni su cosa sono gli RssFeed leggi questi due articoli cliccando Qui

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog
BlogItalia - La directory italiana dei blog