Risarcimento Malasanità

Quando hai bisogno di un consulente che si occupi del tuo caso di responsabilità medica, è probabile che cominci a gurdarti intorno ed è scontato che avrai bisogno di ricevere risposta a molte domande.

Quindi è normale incontrare più di un avvocato o consulente prima di scegliere il più adatto a seguire la richiesta risarcitoria del proprio caso.

Ma come si fa questa scelta?

Quanda arrivi nel suo ufficio, guardi i diplomi appesi al muro? Guardi come è organizzato o tenuto l’ufficio? Pensi che un ufficio disordinato indichi che quel professionista non sia adatto a seguire il tuo caso? Credi che un ufficio pulito e perfetto, d’altrocanto, sia sintomo di pochi clienti e quindi poca affidabilità?

Probabilmente non è con i primi sguardi in giro che si decide. Usualmente è il tuo “istinto innato” a portarti a scegliere chi fa al caso tuo in un tipo di problema che spesso tocca sfere intime e personali.

Ma devi sapere che anche il consulente o l’avvocato che ti sta di fronte, trattando di casi dove la reciproca fiducia è un dato che fa la differenza sul percorso verso il risultato, ti sta osservando, e cerca di capire, con il proprio “istinto” se tu puoi essere un cliente “adatto” al suo modo di lavorare.

Ecco quello che un consulente di malasanità cercherà di valutare:

  1. La tua onestà. Il cliente deve, per il suo bene, essere preciso e onesto nel raccontare ogni dettaglio di quello che è successo. E’ il consulente che si deve occupare di discernere tra gli elementi importanti e quelli superflui. Per possedere tutte le armi al fine di ottentere il risarcimento è necessario avere il quadro completo della situazione del “danneggiato”.
  2. Come ti presenti. Il tuo modo di parlare, di vestire, di comportarti. Se guardi negli occhi o meno quando parli? Che emozioni dimostri quando racconti la tua storia. So che sembra banale, ma questo è molto importante. Il consulente deve cercare di comprendere, se nel tuo caso si possano presumere delle responsabilità sanitarie, con quale tipo di persona si accinge a compiere un percorso verso il risarcimento.
  3. Se il tuo è un desiderio di cercare aiuto o di ottenere vendetta. Ci sono persone talmente arrabbiate per il danno subito che il loro principale scopo è ottenere vendetta. E, a ben guardare, date certe situazioni, può essere un sentimento comprensibile e semplicemente “umano”. Ci sono altre persone che volendo ottenere una riparazione al danno subito, chiedono un aiuto perchè non sono in grado di sostenere da sole le spese mediche e legali che un’azione risarcitoria impone. Un cliente imbufalito e in cerca di vendetta e senz’altro più difficile da trattare. Non perchè il suo danno non meriti riparazione, ma semplicemente perchè è più difficile aiutarlo. Qualsiasi cosa che il consulente o l’avvocato farà, non sarà mai abbastanza. Il cliente che onestamente e con fiducia cerca una compensazione ad un danno subito è quello che può essere aiutato meglio.
  4. Se nonostante tutto sei ottimista e hai voglia di migliorare. Alcune persone si “chiudono in casa” e vivono nell’attesa che il loro danno venga “riparato” e compensato. In un certo senso, la loro iniziativa giudiziaria diventa lo scopo principale della loro vita. Molte altre, considerano la loro denuncia come il mezzo per pagarsi le spese sanitarie, per permettersi eventuali interventi chirurgici riparatori, ed essere giustamente compesanti per una sofferenza ingiustamente patita. Hanno voglia di tornare a lavorare e sentirsi utili, nonostante le difficoltà. Va da sè che per un avvocato o consulente sia più facile aiutare quest’ultime.

Il “con chi?” trattare un caso di errore medico, quindi, è una scelta che per massimizzare le probabilità di successo deve essere fatta da entrambi le parti, dal cliente-danneggiato e dal consulente o avvocato.

Se stai cercando aiuto … ti suggerisco una via d’uscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

 

Se Ti Serve Aiuto

eu-cookie-law">

Compila il Modulo

CLICCA QUI

Riceverai una risposta

ENTRO 24 ORE

RSSFeed

 

Iscriviti al nostro servizio

RSSFeed

eu-cookie-law">

Clicca Qui

 

 

Per maggiori informazioni su cosa sono gli RssFeed leggi questi due articoli cliccando Qui

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog
BlogItalia - La directory italiana dei blog