Risarcimento Malasanità


Vizio del Consenso Informato

Una struttura sanitaria viene condannata a risarcire una donna che, sofferente di una cronica incontinenza urinaria, venne sottoposta ad un intervento chirurgico che prevedeva l’inserimento di un apparecchio stimolatore delle radici sacrali.

Ne seguirà un vero calvario fatto di visite specialistiche e nuovi interventi.

La motivazione che condurrà al risarcimento sarà principalmente indicata attorno alla mancata adeguata informazione alla paziente del tipo di intervento e delle possibili conseguenze.

Disorganizzazione della Struttura Sanitaria

Due giovani stranieri vengono risarciti a causa della nascita della loro piccola con gravi problemi cerebrali permanenti.

La struttura viene incolpata per la non adeguata organizzazione, dato che la mancata presenza in sede di un’equipe di emergenza, pronta a far fronte alle problematiche urgenti, ha portato ad estrarre il feto che presentava evidenti segni di sofferenza ipossico-ischemica con gravissimo ritardo.

Chirurgia generale

Ad ragazzo molto giovane, sofferente di una piccola tumefazione scrotale viene diagnosticata la presenza di un varicocele clinico e suggerito un intervento chirurgico. Il post-operatorio, però è caratterizzato da una progressiva diminuzione del volume del testicolo, e alla fine viene riscontrata una effettiva ipotrofia del testicolo.

La menomazione porterà a pesanti risultati psicologici per l’adolescente.

Verrà accertata l’imperizia degli operatori relativamente alla grave lesione accidentale del circolo arterioso del testicolo, tale da provocare la atrofia totale della ghiandola.

La famiglia viene risarcita.

Oncologia

Un paziente sofferente di un carcinoma al colon retto viene sottoposto prima ad intervento chirurgico di asportazione del segmento intestinale interessato dal tumore, poi ad un serie di cicli chemioterapici.

Questi cicli chemioterapici sono accompagnati dall’impiego del farmaco antiblastico Gamma che prevede, tra gli effetti collaterali, la nefrotossicità, cioè possibili conseguenze alle funzioni renali.

L’uso eccessivo di tale farmaco, oltre i dosaggi massimi indicati in letteratura medica, portò il paziente ad essere sottoposto ad emodialisi e con il progressivo aggravarsi delle condizioni cliniche, al decesso.

La struttura ospedaliera e i due oncologi che avevano seguito il paziente furono condannati a risarcire la famiglia.

Vittima di una Malasanità? Hai Subito un Errore Medico? Non sai Come ottenere il giusto Risarcimento?

Clicca Qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

 

Se Ti Serve Aiuto

eu-cookie-law">

Compila il Modulo

CLICCA QUI

Riceverai una risposta

ENTRO 24 ORE

RSSFeed

 

Iscriviti al nostro servizio

RSSFeed

eu-cookie-law">

Clicca Qui

 

 

Per maggiori informazioni su cosa sono gli RssFeed leggi questi due articoli cliccando Qui

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog
BlogItalia - La directory italiana dei blog