Risarcimento Malasanità

 

Il caso della morte della donna di Susa una settimana successiva al parto, caso ancora da chiarire e sul quale aleggia ancora il sospetto di presunta malasanità, di presunto errore medico, di presunta negligenza medica, è stato, secondo l’opinione di un primo referto medico-legale, originato da una disserzione dell’aorta.

Proprio prendendo spunto da questo vogliamo parlare, in questo articolo dell’aorta.

L’aorta è la principale arteria dell’organismo.

L’aorta ha origine alla base del ventricolo sinistro e distribuisce in tutto il corpo il sangue ossigenato proveniente dai polmoni.

Partendo dal ventricolo sinistro, l’aorta descrive un arco che attraversa il torace e l’addome, prima di suddividersi nelle due ramificazioni terminali, le arterie iliache primitive, che conducono sangue agli arti inferiori.

In corrispondenza dell’arco aortico nascono le arterie coronarie, che conducono sangue al cuore, il tronco arterioso brachiocefalico, l’arteria succlavia sinistra e la carotide sinistra (che porta sangue agli arti superiori ed al cervello).

Parlando di aorta, si possono riscontrare diverse anomalie:

  • un restringimento congenito all’altezza del’istmo (coartazione)

  • una lesione della parete, in genere causata da una placca ateromatosa, che determina una dilatazione (aneurisma) o un restringimento dei vasi

In entrambi i casi, la formazione di coaguli è frequente e causa embolie cerebrali o degli arti superiori.

Un’altra lesione ateromatosa è costituita dalla dissecazione, che interessa lo spessore della parete.

Tutte queste anomalie giustificano un intervento chirurgico.

La cosidetta aortite è un infiammazione della parete dell’aorta.

La forma più comune,l’aortite sifilitica, è legata all’attacco del vaso da parte dell’agente della sifilide, il Treponema Pallidum, in uno stato tardivo della malattia (sifilide terziaria).

L’aortite può anche accompagnare un’agioite o una spondilartrite anchilosante.

L’aortite comporta lesioni che colpiscono più spesso l’aorta toracica ascendente, come l’insufficienza valvolare aortica (rigurgito ematico), restringimento dell’origine (ostio) delle arterie coronarie (che può determinare un’angina pectoris), calcificazione di una parete aortica e aneurisma, generalmente di tipo sacciforme.

La sierologia (ricerca degli anticorpi nel sangue del paziente) è utile per la diagnosi: il trattamento talvolta comporta, oltre all’assunzione di penicellina, un intervento chirurgico.

Vittima di una Malasanità? Hai subito un Errore Medico? Non sai Come Ottenere il Giusto Risarcimento? Hai bisogno di Aiuto?

Clicca Qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

 

Se Ti Serve Aiuto

eu-cookie-law">

Compila il Modulo

CLICCA QUI

Riceverai una risposta

ENTRO 24 ORE

RSSFeed

 

Iscriviti al nostro servizio

RSSFeed

eu-cookie-law">

Clicca Qui

 

 

Per maggiori informazioni su cosa sono gli RssFeed leggi questi due articoli cliccando Qui

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog
BlogItalia - La directory italiana dei blog