Risarcimento Malasanità

 

Il caso della morte della donna di Susa una settimana successiva al parto, caso ancora da chiarire e sul quale aleggia ancora il sospetto di presunta malasanità, di presunto errore medico, di presunta negligenza medica, è stato, secondo l’opinione di un primo referto medico-legale, originato da una disserzione dell’aorta.

Continuiamo a parlare quindi dell’aorta, trattando dell’esame principale per l’indagine clinica diquesta arteria principale del corpo umano.

L’aortografia è un esame radiologico che permette di visualizzare l’aorta e i suoi rami principali.

L’aortografia, eseguita prima di un intervento chirurgico, consente di esplorare le diverse patologie a carico dell’aorta:

  • aneurisma dell’aorta

  • dissecazione aortica

  • sindrome di Leriche (trombosi dell’aorta terminale e della biforcazione delle arterie iliache comuni)

  • coartazione aortica

L’aortografia mediante puntura arteriosa diretta consiste nell’iniettare il mezzo di contrasto radiopaco nell’arteria.

Questa operazione viene eseguita con una puntura nell’inguine (arteria femorale), più raramente nella plica del gomito (arteria radiale) ed eccezionalmente nell’aorta stessa, per via translombare.

Si tratta di una tecnica che offre un’eccellente qualità delle immagini, ma è piuttosto invasiva.

Realizzata mediante puntura arteriosa, l’aortografia necessita di un ricovero ospedaliero di 24-48 ore.

E’ praticata in anestesia locale (o, in pazienti in età pediatrica, in anestesia generale leggera) e sotto controllo elettrocardiografico.

La durata dell’aortografia è compresa tra 30 e 45 minuti.

Gli effetti indesiderati di un’aortografia sono di tipo allergico o traumatico.

Le complicanze allergiche sono dovute allo iodio contenuto nel mezzo di contrasto.

L’allergia allo iodio si manifesta con vomito, eruzioni cutanee o abbassamento della pressione arteriosa.

Prima di eseguire un’aortografia, il personale medico deve accertarsi che il paziente non abbia mai sofferto di allergie. In caso contrario, occorrerà prescrivere un trattamento antiallergico.

Le complicanze di tipo traumatico sono legate al rischio di lesione vascolare, soprattutto in caso di puntura arteriosa, e possono comportare un’emorragia locale.

In tutti i casi, è indispensabile accertarsi che il paziente non soffra di alcun disturbo della coagulazione.

Vittima di una Malasanità? Hai subito un Errore Medico? Non sai Come Ottenere il Giusto Risarcimento? Hai bisogno di Aiuto?

Clicca Qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

 

Se Ti Serve Aiuto

eu-cookie-law">

Compila il Modulo

CLICCA QUI

Riceverai una risposta

ENTRO 24 ORE

RSSFeed

 

Iscriviti al nostro servizio

RSSFeed

eu-cookie-law">

Clicca Qui

 

 

Per maggiori informazioni su cosa sono gli RssFeed leggi questi due articoli cliccando Qui

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog
BlogItalia - La directory italiana dei blog