Risarcimento Malasanità

Diabete di tipo 2

Il diabete di tipo 2 è una forma di diabete mellito causato da una diminuzione degli effetti dell’insulina sulle cellule spesso legata ad una situazione di sovrappeso.

Tale situazione definita si “insulinoresistenza” determina, subito, una secrezione maggiore di insulina da parte del pancreas e poi questa capacità secretoria si riduce con la comparsa di un diabete vero e proprio.

La malattia si presenta nella maggior parte dei casi in età adulta.

Oltre all’obesità, i fattori di rischio sono la localizzazione prevalentemente addominale del tessuto adiposo, un’attività fisica insufficiente e l’esistenza di precedenti familiari della malattia.

Si pensa che ci sia una predisposizione genetica al diabete di tipo 2, con probabile coinvolgimento di vari geni, anche se i riscontri sono ancora pochi.

Al diabete di tipo 2 sono spesso correlate malattie cardiovascolari, ipertensione arteriosa e ipertrigliceridemia.

La presentazione contemporanea di almeno tre di tali affezioni configura la cosidetta  sindrome metabolica, di importanza rilevante per l’aumentato rischio cardiovascolare che comporta.

Sintomi del diabete di tipo 2

Il diabete di tipo 2 spesso è asintomatico e molte volte viene scoperto in modo casuale, a seguito di un esame clinico o di una complicanza legata alla patologia già instauratasi.

Il sospetto diagnostico sorge già al rilevamento di precedenti familiari di diabete di tipo 2.

La malattia può essere sospettata anche alla nascita di un bambino di peso superiore ai 4 kg (una quantità eccessiva di glucosio trasmessa al feto determina uno sviluppo più rapido del normale) o in presenza di sintomi di iperglicemia importante: polidipsia (sete intensa), poliuria (aumento del volume urinario) e dimagrimento.

Diagnosi e cura del diabete di tipo 2

La diagnosi del diabete di tipo 2 si basa sulla misurazione della glicemia a digiuno (superiore a 1,26 g/l) o dopo i pasti (superiore a 1,4 g/l).

E’ molto frequente la glicosuria, che rispecchia un iperglicemia marcata.

Tuttavia il diabete di tipo 2, contrariamente a quello di tipo 1, spesso non si non si accompagna a chetonuria (eliminazione nell’urina di corpi chetonici), se non in corso di un’affezione acuta concomitante.

La cura e il trattamento del diabete di tipo 2 consiste in un regime alimentare equilibrato e nella pratica di un’attività fisica regolare.

Una perdita di peso, spesso, consente di normalizzare la glicemia.

In casi più gravi vengono somministrati farmaci ipoglicemizzanti.

Talvolta si possono prescrivere anche iniezioni di insulina in presenza di determinate situazioni (come la gravidanza per esempio).

Il trattamento regolare con insulina può rendersi necessario dopo 10-20 anni di evoluzione della malattia, per attenuare l’affaticamento del pancreas.

Infine è necessario mettere molta attenzione nel trattamento degli altri fattori di rischio cardiovascolare (ipertensione arteriosa, livelli troppo elevati di trigliceridi e colesterolo LDL nel sangue, tabagismo)

 

Vittima di una Malasanità? Hai subito un Errore Medico? Non sai Come Ottenere il Giusto Risarcimento? Hai Bisogno di Aiuto?

Clicca Qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

 

Se Ti Serve Aiuto

eu-cookie-law">

Compila il Modulo

CLICCA QUI

Riceverai una risposta

ENTRO 24 ORE

RSSFeed

 

Iscriviti al nostro servizio

RSSFeed

eu-cookie-law">

Clicca Qui

 

 

Per maggiori informazioni su cosa sono gli RssFeed leggi questi due articoli cliccando Qui

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog
BlogItalia - La directory italiana dei blog