Risarcimento Malasanità

E’ giusto sottolineare che un audit fatto bene può essere realizzato anche senza l’aiuto di un computer.

La funzione del computer è semplicemente quella di facilitare e velocizzare la raccolta e l’analisi dei dati.

Quindi se ci si fa aiutare da un software, è quest’ultimo a doversi adattare ai processi della sala parto e non il contrario.

E’ inoltre fondamentale che il software sia altamente intuibile nelle sue funzioni, in modo da permettere a qualsiasi operatore della sala parto, anche a quello che non possiede conoscenze informatiche elevatissime, di poter accedere alle informazioni necessarie senza dover ricorrere all’assistenza di specialisti.

Un software dedicato all’audit della sala parto deve avere determinate  caratteristiche:

  • in osservanza alla legge sulla privacy, l’accesso al programma deve essere controllato mediante livelli di accesso differenziati e l’uso di password
  • l’immissione dei dati deve essere assistita. Ci deve essere un controllo logico del flusso dei dati, l’identificazione istantanea di eventuali errori, l’uso di liste di compilazione pretederminate
  • la gestione degli archivi deve essere automatica al fine di permettere l’istantaneo rintracciamento di ogni cartella
  • possibilità di visualizzazione del partogramma on-line
  • ogni dato significativo relativo all’attività della sala parto deve essere analizzato in sessioni statistiche, selezionabili in base a intervalli temporali scelti dall’operatore
  • stesura di rapporti periodici sull’attività della sala parto
  • il software deve essere in grado di selezionare gruppi di cartelle assecondando il percorso logico dell’operatore
  • il software, sulla base dei dati introdotti, deve produrre e stampare automaticamente, il certificato di dimissione, il CEDAP, la denuncia di nascita, l’attestato di nascita ecc.
  • è auspicabile che al software venga associato un modulo che contenga le linee-guida per la gestione del travaglio e del parto fisiologico e patologico e per l’interpretazione del CTG (esame cardiotocografico) durante il travaglio.

L’utilizzo di internet può permettere il confronto degli standard di assistenza ottenuti mediante l’utilizzo di uno strumento informatico comune.

Le amministrazioni pubbliche nazionali e regionali e gli organismi scientifici avrebbero la possibilità di verificare, praticamente in tempo reale, gli standard di assistenza offerte alle donne e ai loro bambini.

Le donne, infine, potrebbero scegliere il luogo dove partorire sulla base di dati obiettivi e trasparenti.

Vittima di una Malasanità? Hai subito un Errore Medico? Non sai Come Ottenere il Giusto Risarcimento? Hai bisogno di Aiuto?

Clicca Qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

 

Se Ti Serve Aiuto

eu-cookie-law">

Compila il Modulo

CLICCA QUI

Riceverai una risposta

ENTRO 24 ORE

RSSFeed

 

Iscriviti al nostro servizio

RSSFeed

eu-cookie-law">

Clicca Qui

 

 

Per maggiori informazioni su cosa sono gli RssFeed leggi questi due articoli cliccando Qui

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog
BlogItalia - La directory italiana dei blog