Risarcimento Malasanità

Prendendo spunto dall’articolo di ieri sul caso del bambino venezuelano morto al Regina Margherita di Torino non per una malasanità, non per un errore medico ma per un errore tecnico, a causa dell’arresto dell’erogazione dell’ossigeno durante la terapia, trattiamo a grandi linee la leucemia, malattia di cui il bimbo era sofferente.

 

La leucemia consiste nel verificarsi di una proliferazione tumorale incontrollata dei precursori (chiamati blasti) dei globuli bianchi normali nel midollo osseo e nel sangue.

 

Il termine leucemia è contrapposto a linfoma, che sta ad indicare l’invasione dei linfonodi, anche se è una distinzione quasi puramente teorica, in quanto le forme avanzate di leucemia possono attaccare tutti gli organi del corpo umano.

 

La statistica rileva che ogni anno si manifestano 8 nuovi casi di leucemia su 1000 abitanti.

 

Se una distinzione va fatta, è quella tra:

 

  • leucemia in forma cronica: la proliferazione non si accompagna ad un arresto della maturazione dei precursori presenti nel midollo
  • leucemia in forma acuta: alla proliferazione dei precursori si aggiunge un blocco della loro maturazione, che porta, da una parte, ad un eccesso di cellule immature e, dall’altra, all’assenza di globuli binachi maturi

 

Va ricordato che la leucemia può avere origine a partire sia dai precursori delle cellule polinucleate (mieloblasti), sia dai precursori dei linfociti (linfoblasti).

 

Questa distinzione conduce a poter classificare in 4 grandi forme in cui può manifestarsi la leucemia:

 

  • Leucemia mieloide cronica (LMC)
  • Leucemia mieloide acuta (LMA)
  • Leucemia linfoide cronica (LLC) la più frequente negli uomini di età superiore ai 40 anni
  • Leucemia linfoide acuta (LLA) la più frequente nei bambini

 

L’esposizione professionale ed intensiva a determinate sostanze chimiche, alle radiazioni e a certe chemioterapie o radioterapie utilizzate nel trattamento del cancro può essere l’origine di leucemie acute e leucemie mieloidi croniche.

 

Resta il fatto che, nella maggior parte dei casi, la causa della leucemia rimane sconosciuta.

 

Soltanto il processo di sviluppo della leucemia comincia ad essere compreso, soprattutto in presenza di anomalie cromosomiche.

 

L’identificazione delle anomalie cromosomiche a carico delle cellule leucemiche è ormai ritenuto un dato con alto valore nella diagnosi e nella prognosi.

 

La presenza, ad esempio, dell’anomalia chiamata “Cromosoma Philadelphia” (trasferimento del cromosoma 9 sul cromosoma 22) conduce, spesso, la diagnosi verso la leucemia mieloide cronica.

 

Il decorso di queste anomalie permette di valutare lo sviluppo della leucemia in risposta al trattamento.

 

Vittima di una Malasanità? Hai subito un Errore Medico? Non sai Come Ottenere il Giusto Risarcimento? Hai bisogno di Aiuto?

Clicca Qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

 

Se Ti Serve Aiuto

eu-cookie-law">

Compila il Modulo

CLICCA QUI

Riceverai una risposta

ENTRO 24 ORE

RSSFeed

 

Iscriviti al nostro servizio

RSSFeed

eu-cookie-law">

Clicca Qui

 

 

Per maggiori informazioni su cosa sono gli RssFeed leggi questi due articoli cliccando Qui

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog
BlogItalia - La directory italiana dei blog