Risarcimento Malasanità

Taglio Cesareo Elettivo

La programmazione del taglio cesareo elettivo a termine è diventata prassi comunemente accettata (non prima della 39esima settimana, per eventuale versione spontanea), nelle situazioni di presentazione podalica.

Il taglio cesareo elettivo, rispetto al parto vaginale viene collegato ad alcuni dati:

  • minor frequenza di morti perinatali e neonatali
  • minor tasso di morbosità neonatale a breve termine
  • minor frequenza di punteggio di Apgar minore a 7 a cinque minuti
  • lieve aumento della morbosità materna a breve termine

Bisogna comunque tenere ben presente che il taglio cesareo elettivo non elimina i rischi per il feto.

La modalità di estrazione del feto nel corso del taglio cesareo è sovrapponibile a quella che si attua per  l’assistenza al parto podalico per via vaginale.

Nel caso di presentazione podalica pretermine è necessario valutare con cura il tipo di incisione da effettuare.

Parto Vaginale

Il parto vaginale, in determinate condizioni, può rappresentare un’opzione accettabile o una necessità inevitabile.

Bisogna per un’efficace gestione di un parto vaginale osservare alcuni criteri:

  • travaglio spontaneo
  • peso fetale stimato: 2500-3800 g
  • tasca di liquido amniotico superiore a 3 cm
  • morfologia fetale e localizzazione placentare normale
  • assenza di ipertensione della testa fetale
  • presenza di ostetrico esperto
  • escludere procidenza di funicolo (fuoriuscita prematura dall’utero del cordone ombelicale)
  • monitoraggio elettronico continuo della Frequenza Cardiaca Fetale
  • accettabile velocità di dilatazione di almeno 1 cm ogni ora
  • se necessario accelerare il travaglio attraverso amnioressi o infusione di ossitocina
  • invitare la partoriente a spingere solo quando il podice è visibile all’introito vaginale
  • non bisogna mai uncinare gli arti fetali, pena la frattura delle ossa lunghe
  • accompagnare la rotazione anteriore del sacro. Quando l’ombelico è visibile, abbassare un’ansa del funicolo
  • lasciare disimpegnare il resto del tronco fino a quando le scapole siano visibili. Le braccia, di solito, si disimpegnano spontaneamente
  • se le braccia non si disimpegnano spontaneamente eseguire la manovra di Lovset: afferrare con un panno il feto ponendo l’indice e il medio sulla spina iliaca anteriore superiore e il pollice sull’articolazione sacroiliaca. Ruotare il feto di 180° in maniera che la spalla posteriore diventi anteriore scivolando sotto la sinfisi pubica. Passare quindi l’indice e il medio sopra la spalla del feto lungo l’omero disimpegnando l’arto con una pressione delicata sulla piega del gomito. Infine ruotare il feto in senso inverso di altri 180° disimpegnando allo stesso modo l’altro braccio
  • il disimpegno della testa può avvenire spontaneamente, mediante la manovra di Mauriceau-Veit-Smellie o mediante l’applicazione del forcipe sulla testa

La Manovra di Mouriceau-Veit-Smellie

La manovra di Maurice-Veit-Smellie si espleta seguendo alcuni passaggi:

  • a disimpegno delle spalle avvenuto, appoggiare il corpo fetale sul braccio destro dell’operatore
  • infilare il dito della mano destra nella bocca fetale per mantenere la flessione della testa
  • uncinare le spalle con due dita della mano sinistra ai lati del collo fetale e disimpegnare la testa esercitando una trazione in senso orizzontale fino a che l’occipite non sia visibile
  • a questo punto continuare la trazione verso l’alto flettendo e disimpegnando la testa sopra il perineo

Applicazione del Forcipe sulla Testa

Anche l’uso del forcipe deve seguire alcuni passaggi:

  • è necessario l’aiuto di un assistente
  • a disimpegno delle spalle avvenuto, chiedere ad un assistente di innalzare il tronco fetale verso la pelvi materna, sopra la testa fetale
  • inserire le branche del forcipe direttamente e orizzontalmente sulla testa fetale evitando il funicolo
  • articolare le branche, impugnare il manico del forcipe e lasciare che il tronco fetale si appoggi sulla mano e sul manico
  • con la contrazione successiva, invitare la partoriente a spingere ed effettuare una trazione in senso orizzontale fino a che l’occipite non sia visibile
  • a questo punto continuare la trazione verso l’alto flettendo e disimpegnando la testa sopra al perineo

 

Vittima di una Malasanità? Hai subito un Errore Medico? Non sai Come Ottenere il Giusto Risarcimento? Hai bisogno di Aiuto?

Clicca Qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

 

Se Ti Serve Aiuto

eu-cookie-law">

Compila il Modulo

CLICCA QUI

Riceverai una risposta

ENTRO 24 ORE

RSSFeed

 

Iscriviti al nostro servizio

RSSFeed

eu-cookie-law">

Clicca Qui

 

 

Per maggiori informazioni su cosa sono gli RssFeed leggi questi due articoli cliccando Qui

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog
BlogItalia - La directory italiana dei blog