Risarcimento Malasanità

Bisogna essere a conoscenza di tutti gli aspetti scientifici e di tutta l’evoluzione della malattia per poter analizzare e circoscrivere l’ errore medico, il comportamento colposo del sanitario e sottoporlo al giudizio controfattuale e acclarare che, se la condotta del medico fosse stata adeguata, il danno sarebbe o meno stato evitato o si sarebbe verificato in epoca di molto posteriore e con minore entità lesiva.

Il rapporto causale ha ragione di esistere anche quando il comportamento del medico, se svolto secondo il protocollo, avrebbe avuto non la certezza ma anche solo un apprezzabile possibilità di successo.

Si è in un ambito dove il ricorso al giudizio di probabilità diviene una necessità dato che si tratta di accettare o negare la tesi che il danno si è verificato perchè il comportamento del sanitario non è stato corretto.

Va comunque sempre accertata l’esistenza del nesso causale fra il presunto errore medico del sanitario e l’evento lesivo subito dal paziente 

Nesso causale nella responsabilità civile e penale.

Per comprendere le differenze della questione bisogna considerare i diversi punti di partenza dei due approcci.

Nella responsabilità penale il punto sul quale si focalizza l’attenzione del giudice è l’autore del reato, mentre nella responsabilità civile s’impone una certa equidistanza tra chi deve giudicare e le parti in causa, anche se prevale una predisposizione alla tutela del danneggiato

E a due punti di partenza differenti corrispondono due percorsi differenti.

Nella responsabilità penale la prova deve superare l’ostacolo del “oltre ragionevole dubbio”, mentre in responsabilità civile la probabilità rosicchia qualche posizione alla certezza e il principio da seguire si trasforma nel “più probabile che non”.

Quindi in ambito civile la ricostruzione del nesso causale trova le sue fondamenta su basi diverse da quelle necessarie per sostenere una responsabilità penale, infatti nel civile il grado di probabilità richiesto e minore e si allontana da quello richiesto in ambito penale, prossimo alla certezza.

L’eventuale giudizio positivo sulla fondatezza del nesso causale non può basarsi solo sul calcolo statistico, ma deve considerare tutti i fattori che sono intervenuti nella situazione concreta del caso preso in esame.

Il giudice dovrà quindi verificare l’eventuale presenza di “fattori alternativi” che possano porsi come possibili cause dell’ evento lesivo.

Per accertare un eventuale errore medico, occorre stabile e comprovare una correlazione tra la condotta del medico e l’evento occorso al malato escludendo la presenza di possibili cause alternative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

 

Se Ti Serve Aiuto

eu-cookie-law">

Compila il Modulo

CLICCA QUI

Riceverai una risposta

ENTRO 24 ORE

RSSFeed

 

Iscriviti al nostro servizio

RSSFeed

eu-cookie-law">

Clicca Qui

 

 

Per maggiori informazioni su cosa sono gli RssFeed leggi questi due articoli cliccando Qui

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog
BlogItalia - La directory italiana dei blog