Risarcimento Malasanità

Facendo riferimento a quanto dispongono gli articoli 2935 e 2946 del cod. civile, poichè la responsabilità professionale del medico s’inquadra nell’ambito contrattuale, la prescrizione comincia a decorrere dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere e si compie nel termine di dieci anni da esso.

Va sottolineato che nel caso di responsabilità contrattuale, come viene considerata oramai quella medica, possono costituire ostacolo alla prescrizione soltanto gli impedimenti legali e non anche agli ostacoli che si possono far risalire all’ignoranza del titolare circa l’esistenza del diritto o l’incuria dello stesso nell’accertarsene.

Anche in caso di danno rimasto occulto, il termine di prescrizione inizia a decorrere dal momento dell’esteriorizzazione di esso, sempre quindi, dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere.

Occorre anche considerare le conoscenze specifiche della persona offesa. L’appartenere ad una determinata categoria sociale e professionale nella quale si possa da per scontato delle cognizioni tecnico-scientifiche particolari, può rendere più elevata la soglia dell’onere di diligenza e prudenza richiesta alla persona “comune”.

Nelle malattie lungolatenti la gravità delle conseguenze si possono manifestare solo a distanza di tempo, spesso molto tempo, dopo il verificarsi del contagio.

Ad esempio la sieropositività all’AIDS può essere addirittura asintomatica e protrarsi per anni, prima che mostri evidenzi tutte le potenzialità nocive.

La durata della prescrizione del diritto al risarcimento dei danni derivante da fatto illecito (ravvisabile, per esempio, nei confronti del Ministero della Salute) è fissata in cinque anni, termine prorogabile qualora il fatto sia considerato dalla legge come reato e per questo si applichi una prescrizione più lunga, mentre il termine di prescrizione, ove si faccia valere la responsabilità del medico o della struttura è quella ordinaria di 10 anni.

5 risposte a Malasanità: quanto tempo ho per agire per ottenere il risarcimento?

  • operata x istiocitoma alla mandibola,nel 2001 e ricostruzione con innesto mio cutaneo peroneale,non posizionato correttamente,attualmente soffro,nell’aprire la bocca,difficoltà per protesi,labbra e mento tagliati,non sorrido più da 10 anni,difficoltà a parlare,dolori alle articolazioni.Chiedo posso avere un risarcimento e faccio in tempo visto che son passati quasi 10 anni?

  • La prescrizione è di 10 anni ed è perentoria. Se ha intenzione di agire lo deve fare al più presto.

  • A seguito di un operazione di estrazione del dente del giudizio, parzialmente incluso, situato a destra nell’arcata inferiore ho subito danni alla lingua. L’operazione è stata eseguita male in quanto dopo all’incirca un’ora il dottore che mi stava operando ha mostrato segni di agitazione dovuti dalla difficoltà ad esportare il dente e successivamente alla frantumazione involontaria dello stesso. A causa dell’anestesia ho avuto parte del viso e l’intera lingua addormentati per diverse ore dopo l’intervento. Inoltre per la forzata apertura della bocca per più di un’ora ho subito in blocco momentaneo della mascella che ho risolto prendendo per alcune settimane il Valium. I giorni successvi oltre ad avere ancora parte del viso gonfio ho notato che metà lingua (la parte destra) è rimasta intorpidita. Il dottore mi ha tranquillizzata dicendomi che capita e che nel giro di qualche mese al massimo un anno sarebbe tornata normale. Così non è stato. In questi anni (6 all’incirca) non è cambiato niente anzi ho notato due cose:
    1) in alcuni momenti mi fa male senza motivo
    2) passando il filo interdentale tra i denti situati nella parte inferiore destra sento un forte dolore alla lingua, simile ad un ago conficcato nella carne.
    Qualche mese dopo l’operazione, l’assistente alla poltrona dello studio, in gran segreto, mi ha consigliato di cercarmi un altro dentista perchè il “dottore” non era più in grado di svolgere la sua professione, ormai anziano.
    Ho consultato alcuni dentisti ma tutti mi hanno detto che se la lingua non riprende dopo un anno il danno è irreversibile.
    Non ho mai avanzato nessuna via legale perchè credo che è difficile se non impossibile diagnosticare la lesione.

  • Alla tenerissima età di 5 mesi nel lontano anno 1991, mi furono diagniosticata formazioni fibromatosi carpali al polso della mao sx, mi fu effettuato un intervento chirurgico per l’asportazione delle formazioni con un intervento che mi procurò una ferita rimargianta con una lunghissima cicatrice. Negli anni a causa della differenze crescita tra epidermide e cicatrice prodotta ( almeno così mi è stato spiegato) la mia mano cresceva ma si ripiegava all’indietro parallelamente al radio e ulna. Oltre al vistosissimo danno estetico che mi ha seguito e condizionato anche psicologicamente in tutti questi anni, si aggiunge il fatto che in queste condizioni non mi è stato mai popssibile effettuare una normale attività lavorativa e sociale. Preciso che negli anni sono stato sottoposto a sette interventi chirurgici , l’ultimo nel 2004 , per cercare di migliorare l’estetica e la funzionalità dell’arto, ma i risultati ottenuti, purtroppo non mi consentono di poter affermare di aver raggiunto una quanto mai minima funzionalità sia estetica che d’uso. Purtroppo negli anni a causa delle condizioni economiche della mia famiglia non floride e della mancanza di appropriato supporto consigliorio, non ho mai intrapreso alcuna azione nei confronti delle struttura ospedaliera che operò ilprimo inrevento, che a solo dire verbale, degli altri sanitari che sono successivamente intervenuti, non avrebbe dovuto operare in quel modo sul un bambino di quella età, causandogli un così grave danno permanente. Ora , conscio di quanto si legge, circa la perentorietà della prescrizione di dieci anni nei casi errore medico, chiedo se non esista la possibilità di esercitare una qualche azione con fini risarcitori, visto che anche le mie pratiche di riconoscimento di invalidità, giacciono inevase presso l’Ente di riferimento, da quasi sette anni e le domande di impiego riservate a persone con le mie problematiche , restano purtroppo lettera morta? Sono in possesso di tutta la documentazione sanitaria relativa. Spero possiate darmi una luce di speranza, grazie!

  • nel 2004 ho fatto un intervento di protesi all’anca.mi e’rimasta una gamba piu’corta con relativi problemi ancora oggi
    posso chiedere un risarcimento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

 

Se Ti Serve Aiuto

eu-cookie-law">

Compila il Modulo

CLICCA QUI

Riceverai una risposta

ENTRO 24 ORE

RSSFeed

 

Iscriviti al nostro servizio

RSSFeed

eu-cookie-law">

Clicca Qui

 

 

Per maggiori informazioni su cosa sono gli RssFeed leggi questi due articoli cliccando Qui

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog
BlogItalia - La directory italiana dei blog